Ambiente

Fiume Sarno, a Scafati un incontro di esperti – VIDEO E FOTO

Venerdi scorso a Scafati si è tenuto il convegno: “Fiume Sarno da fogna a risorsa”

Organizzato da Aleteia (Associazione Archeologica del Mediterraneo) e da Sarnolab si è tenuto venerdi scorso, presso la Biblioteca comunale di Scafati, il convegno ”Fiume Sarno da fogna a risorsa”.
I relatori dell’interessante dibattito sono stati il Prof. Massimiliano Bencardino, docente di organizzazione e pianificazione territoriale, il Prof. Giuseppe Foscari, docente di Storia moderna, dell’Università degli Studi di Salerno, Carmine Ferrara, dell’Associazione Amici del Samo, il Dr.Aurelio Nasto, primario di chirurgia oncologica del polo oncologico di Pagani, l’Ing, Roberto Cigliano, esperto in disinquinamento e il Dr. Giancarlo Russo sostituto procuratore presso la Dda di Salerno e già consulente della commissione di inchiesta sul fiume Samo. A moderare i lavori il giornalista Salvatore De Napoli.
foto 1. fiume Sarno da fogna a risorsa
foto 1. fiume Sarno da fogna a risorsa

Il primo intervento è stato quello di Giuseppe Foscari nel corso del quale il docente ha illustrato il quadro storico del Fiume concludendo che è fondamentale garantire uno sviluppo ecosostenibile.

foto 2. Prof. Giuseppe Foscari
foto 2. Prof. Giuseppe Foscari

Lo stesso Prof. Massimiliano Bencardino ha incentrato il suo intervento su sviluppo e territorio, puntando il dito sui piani urbanistici comunali che non considerano mai il fiume Sarno come un elemento da salvaguardare e soprattutto da valutare.

foto 3. Massimiliano Bencardino
foto 3. Massimiliano Bencardino

L’Ing. Roberto Cigliano, ha spiegato, col suo intervento, che tecnicamente è impossibile depurare qualunque corso d’aqua e quindi anche il Sarno. Ha spiegato, pertanto, che ”’per risolvere il problema nella maniera più semplice si dovrebbero annullare i carichi inquinanti, ma essendo difficile riuscirci, bisognerebbe almeno diminuire le immissioni degli stessi”.

GUARDA IL VIDEO DELL’INTERVENTO DELL’ING. CIGLIANO

Dopo Cigliano è stata la volta di Aurelio Nasto che ha parlato dei danni causati alla salute dall’inquinamento del Sarno. Il chirurgo, con la sua presentazione semplice e diretta, ha dimostrato, purtroppo, che esiste una chiara presenza di persone ammalate proprio in corrispondenza dei siti maggiomente inquinati d’Italia.

foto 4. Aurelio Nasto
foto 4. Aurelio Nasto

 

Il Dr.Giancarlo Russo, della Dda di Salerno, ha quindi concluso gli interventi, ricordando le sue esperienze di controllo e di chiusura di molte industrie che, in passato, non presentavano impianti di depurazione a norma di legge.

foto 5. Giancarlo Russo
foto 5. Giancarlo Russo

Un incontro, quello dello scorso venerdì, che sicuramente ha chiarito il problema Sarno a 360gradi, dall’aspetto storico a quello ambientale, da quello tecnico a quello legislativo, ricordando che il controllo continuo dello Stato sulle fonti di inquinamento è di fondamentale importanza se si vuole porre fine a questo enorme danno ambientale.

Incontri come questi, dopo la manifestazione dei cittadini scafatesi del 3 settembre, dovranno continuare. I cittadini, le associazioni e i professionisti di Scafati e di tutto l’Agro Nocerino sarnese sembrano finalmente uniti. Partire dopo 40 anni sembrerà tardi, il percorso sarà lungo, ma le possibilià e le risorse ci sono per rivedere il Sarno limpido come una volta.