Geologia, News, Rischi

Cilento, piccoli dissesti crescono

Il Cilento continua a essere costellato da frane e dissesti, la situazione attuale.

Transitando lungo la costa del Cilento si è portati a riflettere su quanto poco si è fatto e si fa in termini di prevenzione, in riferimento alla dinamica esogena della nostra Penisola ed ai dissesti che inevitabilmente, ma naturalmente, questa provoca.

Correlazioni del Flysh del Cilento da: http://www.distar.unina.it/it/

Infatti, dato per scontato che il “flysch” ricopre praticamente senza soluzione di continuità il Cilento, è facile prevedere che i rilievi presenti, sia per naturale evoluzione, sia perché innescati da opere antropiche, tenderanno a regolarizzarsi, ovvero a far prevalere l’accelerazione di gravità, tendendo inevitabilmente a livellarsi verso quote a minore energia potenziale.

A partire da queste semplici considerazioni è facile immaginare che ogni costruzione che insiste su questa tipologia di terreno deve essere costantemente monitorata, particolarmente se si tratta di vie di comunicazione quali strade o manufatti adibiti ad abitazioni oppure ad Uffici pubblici.

Strada in frana presso Casa Comunale
Strada in frana presso Casa Comunale di Casalvelino

Tralasciando la ovvia osservazione che la “prevenzione” deve partire a monte della progettazione dell’opera, con un adeguato ed attento studio sinergico eseguito di concerto tra geologi ed ingegneri, una volta che il manufatto è operativo, occorre prestare la massima attenzione affinché questo possa restare  intatto nel tempo.

Esempio eclatante è la SS 18, nel tratto compreso tra le uscite di Agropoli Sud e Prignano Cilento, chiusa da anni al traffico veicolare (pur essendo relativamente di nuova costruzione) per un grave dissesto gravitativo; i lavori di ripristino sono iniziati la scorsa primavera ma la riapertura non è prevista prima del tardo autunno.

Lavori di ripristino Var. SS18 – Frana di Prignano Cilento da Google Hearth

 

Piccoli dissesti, si diceva: ebbene la strada costiera cilentana, da Agnone a Centola, è costellata da fenomeni franosi che oltre a causare disagio al traffico veicolare, possono innescare ben più gravi fenomeni, coinvolgendo abitazioni e installazioni per servizi terziari.

Asfalto dissestato e cumulo di frana
Asfalto dissestato e cumulo di frana
Cartello di lavori in corso rimaneggiato

Spesso accade che gli Enti preposti provvedono a segnalare il dissesto, ma ciò non risolve il problema, anzi lo aggrava perché la segnalazione rimane affissa anche per anni mentre il fenomeno evolve… naturalmente.

Indicazione di S.R. 49, ex SS 267
Indicazione di S.R. 49, ex SS 267
Cartello di divieto, Ordinanza Comunale
Cartello di divieto, Ordinanza Comunale
Bagnanti presso un cumulo di frana

Per innescare il circolo virtuoso del rifacimento delle infrastrutture compromesse, i geologi possono e devono (e vogliono) dare il loro contributo, dando particolare rilievo alla captazione delle acque pluviali che spesso, lasciate laminare in superficie, attivano piani di scorrimento che provocano i dissesti tanto diffusi sul territorio.

Cumulo di frana con danno a cavo in fibra ottica per TLC

Queste poche immagini vogliono evidenziare che in un’area a forte impatto turistico estivo quale è quella cilentana, una più attenta e puntuale pianificazione della manutenzione delle strade e delle infrastrutture, durante i mesi invernali, porterebbe certamente ad un maggiore e più proficuo incremento del flusso turistico e stanziale, con indubbi benefici per tutta la comunità.