Foto Gallery, Geologia, Rischi, Senza categoria

Vesuvio, le lave del 1858 – FOTOGALLERY CONOSCEREGEOLOGIA

Tra il 1858 (27 maggio) e il 1861 (12 aprile) si è verificata una lunga eruzione del Vesuvio di tipo effusivo che ha prodotto l’apertura, sul pian delle Ginestre, di numerose bocche di cui tre in attività prevalente. Addirittura una rimase attiva fino al marzo 1860.

Nell’agosto del 1858 il flusso principale diminuì ma nel 1859 l’eruzione continuò con nuove lave che coprirono quelle già emesse. Il 7 marzo del 1859 le lave distrussero alcune case coloniche al di sopra del Fosso Grande mentre  il 13 marzo una nuova colata di lava giunse al di sotto del  Colle del Salvatore, su cui si erge la sede del Real Osservatorio Vesuviano.

Tra il 22 e il 25 marzo la lava riempì velocemente il Fosso Grande per tutta la lunghezza. L’eruzione continuò fino al 13 novembre mentre il 24 dicembre da due nuovi crepacci, apertisi alla base del Piano delle Ginestre, si formarono due colate di lava a fianco di quella del 1958. Questo efflusso durò fino al marzo del 1860. Successivamente si aprì un’altra bocca, 600 m più in alto, che versò lava fino al 12 aprile del 1861.

cono del vesuvio visto da Ercolano a quota 400m slm
cono del vesuvio visto da Ercolano a quota 400m slm

Questa, in breve, la cronaca di un’eruzione che durò circa tre anni. Un’eruzione in cui le lave colmarono il Fosso Grande, raggiunsero quasi la frazione S. Vito di Ercolano, aggirarono il Colle dei Canteroni e si allargarono verso Est. Successivamente, seguendo la conformazione del terreno, si riversarono verso Nord-Ovest.

Spesso la superficie della colata di lava di questa eruzione presenta strutture chiamate ”a corda”, tipiche strutture delle lave fluide. Queste si formano quando la sottile crosta, che copre la superficie delle lave, si deforma e i corrugamenti si curvano nella direzione di movimento del flusso.

In alcuni punti, invece, si vedono grossi lastroni di lava sollevati e accavallati uno sull’altro. Questo succede quando la colata è più lenta o perché lontana dal punto di emissione e più fredda o perché scorre su un terreno meno ripido.

Vesuvio: lave eruzione del 1958
Vesuvio: lave eruzione del 1958

 

GUARDA LA FOTOGALLERY:

Questo slideshow richiede JavaScript.