Ambiente, Geologia e dintorni

Costruire in legno anche le scuole

Le case in legno rappresentano una quota relativamente bassa rispetto alle costruzioni tradizionali, tuttavia si tratta di un settore in grande evoluzione.

Circa l’80% delle imprese costruttrici ha sede in Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna. Un 40% si è specializzato nella costruzione di case in legno per privati, mentre il restante 60% costruisce anche per altri tipi di clienti come pubbliche amministrazioni, albergatori, e imprese di vario genere.

Il mercato delle case in legno subisce l’influenza della congiuntura internazionale e nazionale, dell’andamento del settore edilizio e del potere di acquisto della popolazione, nonché delle tendenze demografiche. Il settore però è in forte crescita, in quanto le case in legno oltre a rivelarsi abitazioni con un elevata efficienza energetica, ridotti costi di mantenimento, sono anche edifici in grado di resistere alle più devastanti scosse di terremoto.

Tra le prime città che si sono aperte al legno anche per l’edilizia scolastica è stata la città di Milano, infatti, il Comune ha firmato un accordo con Federlegnoarredo che permetterà di sperimentare la creazione di scuole in legno.

Come in Nord Europa, il legno per l’edilizia scolastica sta diffondendosi anche per progetti sul territorio nazionale. I primi esperimenti di successo sono stati eseguiti nei territori dell’Emilia Romagna colpiti dal sisma del 2012.

Milano è probabilmente il più grande centro urbano in Italia a sperimentare questa possibilità, un’esigenza di rinnovamento del patrimonio di edilizia scolastica, in parte obsoleto.

Con la firma dell’accordo il Comune si è impegnato a inserire nei bilanci di previsione, già dal 2014, progetti di nuove scuole antisismiche, ad alto risparmio energetico e di rapida costruzione, facendo leva sul supporto tecnico della federazione che rappresenta il settore in tutte le sue componenti, dalla materia prima al prodotto finito, in Italia e nel mondo.

CASE LEGNOL’accordo prevede la costruzione di edifici scolastici fino a tre piani, comprensivi di mensa e palestre. Le scuole in legno permetteranno diversi vantaggi: tempi dimezzati per la costruzione, facile modularità, che permetterà di adattare la composizione delle aule e la stessa organizzazione degli ambienti interni. Soprattutto, le scuole in legno saranno efficienti sotto il profilo ambientale: ogni metro cubo di legno utilizzato in sostituzione di un altro materiale da costruzione è in grado di immagazzinare 0,9 tonnellate di CO2. Il legno permetterà alla scuola di ottenere anche un risparmio energetico di circa il 40% rispetto alle strutture tradizionali, grazie alle sue rinomate proprietà isolanti.